Goldenshteyn, German (1934-2006)

German Goldenshteyn è nato nel 1934 a Otaci (in Bessarabia), in Romania, parte dell’attuale Moldavia.

Durante la seconda guerra mondiale, la Romania entra in guerra con le forze dell’Asse (Germania, Italia e Giappone). German Goldenshteyn e tutta la sua famiglia sono allora internati in un ghetto rumeno chiamato Bershad. I suoi genitori non sopravvivono e muoiono di malattie e privazioni.

Alla fine del 1944, German e due dei suoi fratelli sono trasferiti in un orfanotrofio a Odessa. Circa un anno dopo, il direttore di una banda militare sovietica viene per esaminare le capacità musicali dei bambini. Ne sceglie 10, tra cui German ed uno dei suoi fratelli, facilitando la loro ammissione ad una scuola di musica a Odessa, dove German studia il clarinetto.

bessarabie_redim_480px_larg.jpg

German Goldenshteyn effetua il servizio militare nell’orchestra dell’Armata Rossa, poi, nel 1956, si trasferisce in Ucraina dove diventa macchinista nella città di Mogilev Podolski ; nello stesso tempo integra una piccola orchestra nuziale che suona in tutta la regione. Viaggia di villaggio in villaggio, di città in città, come facevano i tradizionali Klezmorim del 18° e dell’inizio del 19° secolo. Durante le sue tribolazioni incontra musicisti che gli insegnano centinaia di melodie bessarabiche, popolari e tradizionali.

La Bessarabia era allora al crocevia di culture diverse, ebraica, gitana, ottomana, slava, balcanica… e la convivenza di tutte queste tradizioni costituiva un repertorio ricco e contrastato. Sebbene il regime sovietico del dopoguerra abbia tentato di sradicare la cultura ebraica, la musica è riuscita a sopravvivere a questa repressione. Goldenshteyn suona migliaia di simha, di horas, di sirba e di freylekh. Le impara molto velocemente, ma trovando difficile ricordarle tutte, prende l’abitudine di trascriverle scrupolosamente su dei quaderni. Ogni volta che impara una nuova melodia, la trascrive immediatamente per non dimenticarla.

Anno dopo anno, trascrive nei suoi taccuini più di mille melodie che porta con sé nel 1994, quando arriva negli Stati Uniti. Molte di queste melodie non erano mai state documentate prima di lui.

Originario del Vecchio Mondo come molti dei suoi predecessori, Dave Tarras, Naftule Brandwein, Goldenshteyn rappresenta uno dei legami più recenti con la tradizione klezmer dell’Europa orientale.

E’ a Long Island, New York, che muore d’infarto nel 2006 durante una partita di pesca.

Consultare le nostre collezioni su German Goldenshteyn

recueil_de_partitions_350px_vertic.jpg
Spartito per clarinetto dal repertorio di German Goldenshteyn
couverture_disque_german_goldenshteyn_redim_250px.jpg
Disco German Goldenshteyn

Vi piacerà anche

Tsuzamen – Sirba Octet

Questo album è una formidabile testimonianza di speranza: quella degli ebrei, degli armeni, degli zingari, i cui repertori sono stati…

Fondo Jacinta

Depositato all’IEMJ nel maggio del 2022 dall’artista, il Fondo d’archivio di Jacinta è composto da una quarantina di fotografie, dalla…

JACINTA, TRA CANZONI YIDDISH, GIUDEO-SPAGNOLE E TANGO

Nella serie "Percorsi di vita", scoprite la personalità accattivante di Jacinta, un'interprete di origine argentina che canta l’yiddish, il giudeo-spagnolo...…

JACINTA, UNA VITA IN CANZONE

Scoprite una selezione di canzoni yiddish, giudeo-spagnole, argentine e francesi di Jacinta, un'artista dalla voce d'oro