In Love and in Struggle

The Musical Legacy of the Jewish Labor Bund

Il patrimonio musicale del Partito dei Lavoratori Ebraici del Bund, in 17 canzoni eseguite da Zalmen Mlotek, Adrienne Cooper, Dan Rous, la New Yiddish Chorale ed il Workmen’s Circle Chorus…

Questo album è straordinario. Una miriade di voci umane meravigliose, solisti di talento come Adrienne Cooper (z”l), una formidabile selezione di canzoni di lotta proletaria tratte dal repertorio yiddish del Bund, il partito operaio ebraico che rappresentava la quintessenza delle aspirazioni socialiste dell’ebraismo russo della fine del XIX secolo.

Fin dall’inizio, con “Hof un Gleyb” (speranza e fede), l’album ci travolge e ci ispira. Poi ci sono momenti più tranquilli, come la canzone di Adrienne Cooper “Vilna”, che invece di essere cantata con nostalgia, descrive la creazione del Bund a Vilnius, esprimendo un forte sentimento di speranza. I suoi assoli sono così potenti, così pieni di futuro, che invece di guardare indietro, guardiamo avanti, attraverso gli occhi dei bundisti, al mondo che credevano di diventare. E questo coro, questa massa di voci umane perfette? Fornisce quell’oceano di emozioni in cui gli assoli ci fanno sprofondare.

Tuttavia, questo album è più che nostalgico. Almeno in parte. Ascoltando il coro che canta “Hey hey daloy politsey” (hey, hey, abbasso la polizia), si può provare una doppia nostalgia: in primo luogo, per il momento in cui la canzone è stata creata, quando si improvvisavano nuovi testi per ogni dimostrazione, poi per il desiderio di aver vissuto e conosciuto questa canzone, durante le grandi lotte sociali della seconda metà del XX secolo.

cd_773_15.jpg

Questo album può anche essere ascoltato con un immenso piacere solo per la musica. È semplicemente delizioso. Questo album è stato prodotto nel 1999 per commemorare i 100 anni del Bund. Anche se oggi il Bund è meno visibile, ci sono ancora sindacati, organizzazioni ed una nuova generazione che continua a lottare. Per gli attivisti di oggi, questo album è una fonte di ispirazione ed un momento piacevole da trascorrere lontano dalla lotta. Per coloro che non sono coinvolti nella lotta, questo album è anche una fonte di ispirazione e la prova che prendere parte alla lotta per un mondo migliore ha un impatto.

Per chi teme che la mancanza di conoscenza dello yiddish gli impedisca di apprezzare appieno questo album, si tranquillizzi: le spiegazioni sono in inglese, i testi in yiddish ed in traslitterazione latina, con traduzione in inglese.

Per concludere, questo CD è un giusto tributo all’eredità musicale del Partito Operaio Ebraico Bund. Zalmen Mlotek ed i due solisti sono vocalmente superbi. Ascoltate e divertitevi.

Estratto da una recensione di Ari Davidow del 18 luglio 1999

cd_773_couv4_petit.jpg

Per saperne di più sul Bund
Ordinare il CD

Condividere :
0:00
0:00

Vi piacerà anche

Trittico Darius Milhaud

Sabato 29 giugno 2024, ore 18.30 - Salle du Moulin Saint-Julien, Cavaillon (84300), serata in occasione del 50° anniversario della…

DAI CARPAZI AI BALCANI – UNA FUGA MUSICALE DA OVEST AD EST DEL DUO KALARASH & GUESTS

Il 16 giugno 2024, alle ore 18.00, presso l'Espace Rachi (Parigi 5e), concerto Des Carpates aux Balkans - Une escapade…

Workshop di Ballo klezmer con il gruppo Kalarash

Il 16 giugno 2024, dalle 11.00 alle 13.00, presso l'Espace Rachi Guy de Rothschild (Parigi 5e), workshop di ballo klezmer…

Yerushalayim shel zahav (Jerusalem of Gold)

Questa playlist contiene 12 versioni della famosa canzone di Naomi Shemer, Gerusalemme d'oro (ירושלים של זהב - Yerushalayim shel zahav),…