Musique et politique en Allemagne du IIIe Reich à l’aube de la guerre froide

Sorbonne Université Presses, 11/04/2018, 394 p.

Questo libro ben documentato, basato in parte su una tesi di Storia della Musica sostenuta dall’autore nel novembre 2012, offre un’analisi originale delle politiche musicali in Germania, dall’ascesa al potere di Adolf Hitler nel 1933 alla creazione di due entità politiche nel 1949 nel contesto della Guerra Fredda. Lo studio delle politiche attuate sotto il Terzo Reich mostra come la nozione di purezza ha condizionato la creazione e la vita musicale, dall’arianizzazione di compositori della grande tradizione come Wagner e Beethoven alla ricerca di un’impossibile musica “nazista”. Un esame delle lotte di potere tra i principali attori culturali del Reich, principalmente il ministro della Propaganda Joseph Goebbels e l’ideologo del partito nazista Alfred Rosenberg, mette in luce le estreme incongruenze di un sistema che coniò il concetto di “musica degenerata” senza vietarla del tutto.

Dopo la guerra, la creazione musicale è stata alimentata dai conflitti tra gli Alleati, mentre si profilava la guerra fredda. La lotta per l’influenza e gli inizi della nostra società della comunicazione crearono un nuovo contesto che portò alla creazione della Scuola di Darmstadt e di festival di musica contemporanea, nonché alla sorprendente reintegrazione di musicisti che erano stati compromessi dal regime nazista.

Studiando i regimi che in ultima analisi sono costruiti sulla reciproca opposizione, Elise Petit fa luce sul desiderio o sull’utopia di una rottura in relazione alle politiche musicali. Elise Petit esamina la possibilità di rottura nella sfera artistica quando è legata alla politica e ci porta a ripensare le nozioni di “ora zero” e tabula rasa nella Germania del XX secolo.

Questo libro affascinante mostra fino a che punto la musica, e l’arte in generale, possono essere usate dalle ideologie come strumento di propaganda o per rieducare le masse. Spaventoso ed istruttivo!

Biografia
elise_petit_icone_reduite_jack.jpgÉlise Petit è laureata in musica e ha conseguito un dottorato in storia della musica.

Il suo lavoro si concentra sui legami tra politica e musica nella Germania del XX secolo. È interessata al ruolo della musica sotto il Terzo Reich e nei campi di concentramento. Nel 2015 è stata coautrice del libro Entartete Musik. Musiques interdites sous le IIIe Reich.
Studia inoltre le politiche musicali attuate dopo la Seconda guerra mondiale e durante la Guerra fredda. Su questo tema ha curato il libro La Création artistique en Allemagne occupée (1945-1949) : Enjeux esthétiques et politiques (2015), che copre non solo la musica, ma anche il teatro, la letteratura, il cinema e le arti grafiche.

Vi piacerà anche

Léon Algazi (1890-1971), un pioniere della musica ebraica in Francia

Nella serie "Percorsi di vita", Jacques Algazi (1934-2021) rivela la vita di suo padre, Léon Algazi (1890-1971), un instancabile musicista…

Sefarad in the piano – Toni Costa

Ispirato dalla poesia popolare giudeo-spagnola, dal jazz, dalla musica antica e dai ritmi popolari del flamenco, il pianista Toni Costa…

The Hoffman Book

Presentato da Susan Watts e curato da Ilana Cravitz, dal dottor Hankus Netsky e dalla dottoressa Hannah Ochner, The Hoffman…