Riflessioni sulla Torah cantillata

di Jean-Philippe Amar

Jean-Philippe Amar è dottorando presso l’Università Paris IV Sorbona e prepara una tesi sulla cantillazione della Torah nelle comunità ebraiche parigine.

La lettura della Torah, il Pentateuco, una pratica che risalirebbe a Mosè, è diventata da Esdra lo scriba (V secolo a.C) il momento essenziale del culto sinagogale. Una pericope viene cantillata al servizio mattutino settimanale dello Shabbat, seguendo un ciclo annuale di lettura che divide il testo in cinquantaquattro parti (parasha).

Questa lettura cantata, nonostante la varietà dei riti interpretativi, si basa sullo stesso sistema di teamim, sviluppato dai masoreti a Tiberiade durante il Medioevo. È un insieme di segni diacritici che indicano, non strettamente, un modo di cantare le parole e tagliare i versi. Ogni taam propone una formula melodica, poco precisa, che lascia quindi all’interprete un margine di relativa libertà, nel rispetto del testo da trasmettere ai fedeli.

Questo articolo è una riflessione sui principi della cantilazione ebraica attraverso le nozioni di trasmissione del messaggio divino, delle sue interpretazioni e infine della creazione di significato in un approccio ermeneutico della pratica della lettura rituale cantata.

Condividere :

Vi piacerà anche

DU CÔTÉ DE CHEZ SZWARC CON HERVÉ ROTEN

Hervé Roten, ospite di Radio Shalom con Sandrine Szwarc, nel suo programma Du Côté de chez Szwarc, presenta con passione…

Darius Milhaud e le sue opere ispirate alla tradizione ebraica

Compositore di un'antica famiglia ebraica del Comtat Venaissin, Darius Milhaud (1892-1974) è autore di una prolifica produzione di circa quaranta…

Trittico Darius Milhaud

Sabato 29 giugno 2024, ore 18.30 - Salle du Moulin Saint-Julien, Cavaillon (84300), serata in occasione del 50° anniversario della…