Tafillalt

Le radici della preghiera esplorate da 3 giovani compositori israeliani

Tzadik, 03-2009

Testi sacri della Mishna, preghiere del Nord Africa e del Medio Oriente, poesia ebraica moderna ed anche una lettera trovata per le strade di Gerusalemme costituiscono la base di questa emozionante esplorazione delle radici del canto ebraico da parte di questi innovativi giovani compositori/performer israeliani. Membri originali di Haoman 18, la controparte israeliana di Radical Jewish Culture, Yair Harel, Nori Jacoby ed Yonatan Niv – tutti studenti del compositore israeliano André Hajdu – combinano musica tradizionale, improvvisazione e composizione contemporanea in arrangiamenti avventurosi. Nuova musica esotica e appassionata dalla Terra Santa, con percussioni mediorientali, archi e voci medievali.

Con:
Yair Harel: Voce, Percussioni, Tar
Nori Jacoby : Viola, voce, melodica
Yonatan Niv : Violoncello, voce, pianoforte

Ospiti :
Omer Avital: Basso
Boris Bendikov : Tromba, flicorno
Yarden Erez : Fisarmonica, pianoforte, percussioni artigianali, violino, tastiera
Dor Magen: Trombone
Idan Raveh: Tromba

Per saperne di più

Condividere :
0:00
0:00

Vi piacerà anche

DU CÔTÉ DE CHEZ SZWARC CON HERVÉ ROTEN

Hervé Roten, ospite di Radio Shalom con Sandrine Szwarc, nel suo programma Du Côté de chez Szwarc, presenta con passione…

Darius Milhaud e le sue opere ispirate alla tradizione ebraica

Compositore di un'antica famiglia ebraica del Comtat Venaissin, Darius Milhaud (1892-1974) è autore di una prolifica produzione di circa quaranta…

Trittico Darius Milhaud

Sabato 29 giugno 2024, ore 18.30 - Salle du Moulin Saint-Julien, Cavaillon (84300), serata in occasione del 50° anniversario della…