Brandwein, Naftule (1889-1963)

Naftule Brandwein (1889-1963) nacque nella piccola città di Przemyslany (vicino a Lvov) nella Galizia austriaca, una regione che divenne parte della Polonia nel 1918. Suo padre, Pesakh Brandwein, era un badkhn (animatore di matrimoni), violinista e direttore della sua kapelye (orchestra di famiglia), che viaggiava in tutta la Galizia orientale. Naftule era uno dei 14 figli che suo padre aveva avuto con quattro mogli diverse. Aveva nove fratelli e quattro sorelle, tra cui Henrietta, sua sorella gemella. Nel 1919, tutti i suoi fratelli, tranne due, emigrarono in America. I due fratelli che rimasero nel paese furono il maggiore, Eli, e il minore, Tzvi-Hirsch (entrambi furono poi assassinati dai nazisti). Il figlio di Tzvi-Hirsch, Leopold Kozlowski, è stato un leader nella resurrezione del klezmer nell’Europa centrale e orientale dal 1990.

Brandwein può essere ascoltato in molte delle classiche registrazioni yiddish del periodo d’oro della musica popolare yiddish (1915-1935), specialmente quelle di Abe Schwartz (1881-1960). In secondo piano di queste registrazioni, si può sentire l’incredibile virtuoso Naftule Brandwein che suona il suo clarinetto in mi bemolle.

disque_vinyle_3.jpgUna delle ultime registrazioni prodotte da Schwartz in cui il clarinettista suonò fu “Firn Di Mekhutonim Aheym” (“Bringing the Parents-in-Law Home”). Questo gasn nign (canzone di strada), con il suo continuo assolo di clarinetto sostenuto e legato, evidenzia tutti gli incredibili talenti di Brandwein. Le sue improvvisazioni, le sue abilità, le sue rapide scale, il suo controllo del respiro, i suoi glissando e knaytches ne fanno una delle sue registrazioni più ascoltate e suonate degli anni del revival klezmer negli anni ’80. Questo è particolarmente vero per le orchestre klezmer revival che suonano il repertorio dei piccoli gruppi degli anni ’20 e ’30 piuttosto che quello dei grandi ensemble.

solo.jpgBrandwein era noto non solo per il suo virtuosismo al clarinetto, ma anche per la sua vita impetuosa e senza limiti. La sua vita era come il suo gioco. Era un donnaiolo e un noto bevitore, e si diceva che se si assumeva Brandwein per una festa e si voleva che fosse soddisfatto e suonasse tutta la notte, bastava fornirgli abbastanza alcol e una donna. Era anche conosciuto come il musicista klezmer preferito della Jewish Murder Gang Inc. Amava rendere più piccanti le sue apparizioni sul palco abbassandosi i pantaloni o indossando un’insegna al neon sul petto che recitava “The Naftule Brandwein Orchestra”, o in un costume da Zio Sam con luci natalizie brillanti con cui rischiò di rimanere folgorato  Le sue buffonate pubbliche e private gli hanno impedito di rimanere con un’orchestra, poiché i suoi compagni si esasperavano rapidamente del suo atteggiamento. Tuttavia, era un membro regolare della Joseph Cherniavsky Yiddish-American Jazz Band e della Abe Schwartz Orchestra.

king_of_the_klezmer_clarinet.jpgDal 1922 al 1927, Brandwein fece numerose registrazioni e creò il tipico suono dei clarinettisti solisti ebrei americani klezmer. Poi smise di registrare. Il suo stile di vita perturbò la sua salute e le sue relazioni con gli altri musicisti, ma è rimase attivo come freelance in ricevimenti, matrimoni e feste in hotel, specialmente quelli della Cintura di Borsht. Infine, nel 1941, Brandwein tornò nello studio di registrazione un’ultima volta, con il nome anglicizzato di “Nifty” Brandwein. Le registrazioni – “Klayne Princesin” (“Piccola principessa”), “Naftule’s Freylekhs”, “Freylekher Yontef” (“Buone vacanze”) e “Nifty’s Eygene” (“Ciò che appartiene a Nifty”) – mostrano l’evoluzione di Brandwein durante i suoi 14 anni di assenza dagli studî. La maggior parte delle sue rapide abilità e dei suoi glissandi non sono più la chiave delle sue registrazioni. Dimostra invece, un tono più calmo e introspettivo.

Naftule non era più vivo per assistere alla rinascita dell’interesse per il klezmer dalla metà degli anni ’70. In compenso, la sua influenza non è scomparsa: una nuova generazione di musicisti klezmer lo cita come principale fonte di ispirazione.

Ascoltare la playlist speciale Naftule Brandwein

 

Vi piacerà anche

HEVENU SHALOM ALEKHEM N° 1 – 2 – 3

Le Edizioni dell’IEMJ pubblicano una raccolta di tre nuove composizioni di Itaï Daniel intorno alla canzone tradizionale Hevenu Shalom Alekhem

Soul of Yiddish

Evolvendosi tra il suo amore per la musica classica e il repertorio popolare dell'Europa dell'Est dove ha le sue radici,…

CONFERENZA – IL POSTO DELL’ORGANO NELLA TRADIZIONE EBRAICA – HERVÉ ROTEN

Domenica 24 ottobre 2021 dalle 14 alle 15 - LE KARE - Boulogne-Billancourt (92100). Conferenza sull'evoluzione del ruolo dell'organo nella…

Balagan Box : the festival Jazz N Klezmer, with Estelle Goldfarb and Cellie

PROGRAMMA RADIO (in francese) presentato da Laurence Haziza, trasmesso su RADIO SHALOM, il 3 NOVEMBRE 2007. Laurence Haziza accoglie la…