Le principe de la modulation dans le fragment babylonien d’Ur : U.7/80 (XVIIIème siècle av. J.C.) (à partir d’un instrument de l’époque non identifié : le « gis za mi »)

Jean-Claude Sillamy

Tutti i diritti riservati, Ajaccio, 1991.

Basato sullo studio di un frammento babilonese del XVIII secolo a.C., questo studio di Jean-Claude Sillamy, dottore in musicologia e specialista di musica antica (Sumer, Babilonia, Mesopotamia, ecc.), dimostra chiaramente i principi della modulazione nella musica babilonese.

I modi babilonesi non si basano su ottave ma su quarte o quinte, le cui note interne possono essere variate abbassando od alzando alcune corde della cetra.

Per saperne di più su Jean-Claude Sillamy

Vedi altre opere dello stesso autore

Vi piacerà anche

Léon Algazi (1890-1971), un pioniere della musica ebraica in Francia

Nella serie "Percorsi di vita", Jacques Algazi (1934-2021) rivela la vita di suo padre, Léon Algazi (1890-1971), un instancabile musicista…

Sefarad in the piano – Toni Costa

Ispirato dalla poesia popolare giudeo-spagnola, dal jazz, dalla musica antica e dai ritmi popolari del flamenco, il pianista Toni Costa…

The Hoffman Book

Presentato da Susan Watts e curato da Ilana Cravitz, dal dottor Hankus Netsky e dalla dottoressa Hannah Ochner, The Hoffman…