Il Servizio sacro di Leon Algazi

Il Servizio sacro di Léon Algazi, presentato nel 1954 dal compositore nel suo programma liturgico e musicale Ascolta Israele, è stato inciso su otto dischi pirali 78 giri depositati all’IEMJ nel 2019 dalla nipote Béatrice Algazi.

Ascolta Israele è un programma radiofonico settimanale dell’ORTF, prodotto e presentato da Léon Algazi tra il 1948 e il 1971. Ha sostituito il programma La voce d’Israele  che quest’ultimo aveva creato nel 1929.

Questo archivio ci permette di ascoltare l’intero Servizio Sacro del sabato mattina di Léon Algazi, per solisti, coro e organo, trasmesso alla radio il 1 gennaio 1954. Gli interpreti erano Marie-Louise Girot (organo), Emile Kaçmann (basso), Eli Taub (tenore) ed il complesso vocale La Voix d’Israel diretto da Léon Algazi.

Il Servizio Sacro è stato composto su richiesta del Tempio Emanu-EL di New York e del suo direttore musicale, Lazare Saminsky. Léon Algazi ha diretto la prima rappresentazione della sua opera nel febbraio 1952, al Tempio Emanu-EL, durante una funzione del sabato mattina.

Per ricostruire l’intera opera, abbiamo dovuto realizzare un montaggio. In effetti, i dischi pirali non sono stati incisi consecutivamente: così il disco 3, ad esempio, comprende la parte 5 sul lato A e la parte 7 sul lato B.

doc_disque_3_500px.jpg

Montaggio delle piste:
session_premiere.jpg

Gli audio digitalizzati hanno fatto in seguito oggetto di un restauro con le apparecchiature dell’IEMJ per migliorarne l’ascolto.

Alcune precisioni sui dischi “pyral” o “disco ad incisione diretta”:

disque_pyral_500px.jpgI “pyral” sono in realtà la marca più diffusa di dischi in acetato prodotti dalla società Pyrolaque. Si tratta di dischi di metallo (principalmente alluminio) rivestiti di gommalacca (di tipo acetato) per consentire al bulino di incidere facilmente i solchi del disco.

I primi dischi Pyral giravano alla velocità di 78 giri/minuto ma avevano solchi molto più fini rispetto ai classici 78 giri. Furono prodotti all’inizio degli anni ’30 e fino alla metà degli anni ’60 e non erano destinati alla vendita.

Un’etichetta è presente al centro del disco per fornire manualmente le informazioni sul disco stesso.

Il suo principale inconveniente è la sua fragilità: non si conserva bene nel tempo, la gommalacca avendo tendenza a screpolarsi. Questo materiale è anche molto sensibile alla muffa.

Gli otto dischi pirali di questo programma del 1954 furono probabilmente registrati dal vivo, rendendoli registrazioni uniche.

Fonti: Je disque Je veux

Ascoltare il Servizio Sacro di Leon Algazi

Vi piacerà anche

Léon Algazi (1890-1971), un pioniere della musica ebraica in Francia

Nella serie "Percorsi di vita", Jacques Algazi (1934-2021) rivela la vita di suo padre, Léon Algazi (1890-1971), un instancabile musicista…

Sefarad in the piano – Toni Costa

Ispirato dalla poesia popolare giudeo-spagnola, dal jazz, dalla musica antica e dai ritmi popolari del flamenco, il pianista Toni Costa…

The Hoffman Book

Presentato da Susan Watts e curato da Ilana Cravitz, dal dottor Hankus Netsky e dalla dottoressa Hannah Ochner, The Hoffman…