Musica e Shoah 2

Musica a Terezin

Dal 1942 al 1945, il campo di concentramento di Theresienstadt (Terezin) fu sede di un’intensa attività musicale ebraica, incoraggiata dai nazisti a fini propagandistici

Dalla fine del 1941 i nazisti riuniscono nel campo ghetto di Terezin (situato a una cinquantina di chilometri a nord-ovest di Praga) molti intellettuali e artisti ebrei che continuano, come meglio possono, le loro attività creative. La maggior parte di questi compositori (Viktor Ullmann, Hans Krása, Pavel Haas, ecc.) morirono di fame o furono mandati nelle camere a gas, lasciando dietro di loro un’opera di terrificante modernità, che le ricerche musicologiche degli ultimi 20 anni hanno permesso di far rivivere.

doc_2_musique_et_shoah_500px_80.jpg

Documents joints

0:00
0:00

Vi piacerà anche

Tsuzamen – Sirba Octet

Questo album è una formidabile testimonianza di speranza: quella degli ebrei, degli armeni, degli zingari, i cui repertori sono stati…

Fondo Jacinta

Depositato all’IEMJ nel maggio del 2022 dall’artista, il Fondo d’archivio di Jacinta è composto da una quarantina di fotografie, dalla…

JACINTA, TRA CANZONI YIDDISH, GIUDEO-SPAGNOLE E TANGO

Nella serie "Percorsi di vita", scoprite la personalità accattivante di Jacinta, un'interprete di origine argentina che canta l’yiddish, il giudeo-spagnolo...…

JACINTA, UNA VITA IN CANZONE

Scoprite una selezione di canzoni yiddish, giudeo-spagnole, argentine e francesi di Jacinta, un'artista dalla voce d'oro