Fondo Abbina-Diena

Musiche ebraiche d'Italia

Desideroso di far conoscere l’ebraismo italiano e le sue tradizioni musicali, entrambi relativamente sconosciuti, Gianni Diena, di origine torinese, ha affidato all’Istituto Europeo di Musica Ebraica una serie di documenti: CD, spartiti e libri, che arricchiscono una raccolta d’archivi musicali ebraici italiani già esistenti, risalenti in particolare al periodo barocco (Salomone Rossi e Lidarti).

Quest’insieme di documenti, in parte in italiano, ma anche in inglese ed in ebraico, testimoniano la ricchezza delle tradizioni musicali italiane, intimamente legate alla storia delle comunità ebraiche che vivevano e vivono nella penisola transalpina.

l_718_couv.jpgLe origini degli ebrei italiani sono molteplici. Secondo Enzo Scotto, “Alcuni ebrei discendono dagli ebrei vissuti in Italia durante l’Impero Romano, altri sono ebrei ashkenaziti che, soprattutto nel XIV secolo, lasciarono la Germania per l’Italia. In quello stesso secolo gli ebrei francesi [in particolare dalla Provenza] abbandonarono la Francia, mentre alla fine del XV secolo e durante il XVI secolo ebbe luogo l’emigrazione sefardita dalla Spagna ed il ritorno al giudaismo dei marrani di origine spagnola.(….) Altri ebrei, nella seconda metà del XVI secolo provenienti da paesi musulmani, furono attratti dal nuovo porto franco di Livorno, che per due secoli fu la città dove gli ebrei vivevano meglio che in qualsiasi altro posto”. (Vedi “Gli ebrei d’Italia” – Israel Magazine, 14 febbraio 2016)

l_720_couv.jpg l_719_couv.jpg

Il Fondo Abbina-Diena è composto da varie pubblicazioni sulle pratiche musicali ebraiche, sinagogali o profane in Italia, soprattutto nel XIX secolo. Alcuni lavori si concentrano su dei particolarismi regionali, come Musiche della tradizione ebraica in Piemonte – Le registrazioni di Leo Levi (1954) / Franco Segre – 2015, altri su temi specifici, come il misticismo ebraico (Musica e canto nella mistica ebraica / Enrico Fubini – 2012).

 

 

cd_896_couv-2.jpg

Questo Fondo è anche composto da CDs che illustrano la storia e le tradizioni musicali del popolo ebraico in Italia, come il CD Chatan Ve KaIlah – Il matrimonio ebraico a Roma / Coro Ha-Kol, relativo al matrimonio ebraico in Italia.

Infine, questo Fondo comprende anche delle opere musicali contemporanee, in particolare uno spartito manoscritto di musica da camera per soprano, attori e cinque strumenti, scritta da Gilberto Bosco, “Il gioco delle sorti“, su Esther et la festa di Purim (accompagnato da un CD).

Questi archivi sono ormai disponibili per la consultazione nel catalogo delle nostre collezioni (accedere al fondo Abbina-Diena) o su appuntamento con l’Istituto Europeo di Musica Ebraica (contact@iemj.org).

Condividere :

Vi piacerà anche

Darius Milhaud e le sue opere ispirate alla tradizione ebraica

Compositore di un'antica famiglia ebraica del Comtat Venaissin, Darius Milhaud (1892-1974) è autore di una prolifica produzione di circa quaranta…

Trittico Darius Milhaud

Sabato 29 giugno 2024, ore 18.30 - Salle du Moulin Saint-Julien, Cavaillon (84300), serata in occasione del 50° anniversario della…

DAI CARPAZI AI BALCANI – UNA FUGA MUSICALE DA OVEST AD EST DEL DUO KALARASH & GUESTS

Il 16 giugno 2024, alle ore 18.00, presso l'Espace Rachi (Parigi 5e), concerto Des Carpates aux Balkans - Une escapade…