Le tradizioni musicali degli ebrei etiopi

Questo testo è tratto dal libro Musiques liturgiques juives : parcours et escales (Musiche Liturgiche Ebraiche : percorsi e scali) - Hervé Roten - Actes Sud et Cité de la Musique, 1998, Parigi

Scoprite la storia e la musica degli ebrei d’Etiopia

La tradizione orale identifica gli ebrei d’Etiopia come i discendenti di Menelik, figlio dell’unione carnale tra la regina di Saba ed il re Salomone.

Oggi prevalgono tre approcci sull’origine degli ebrei etiopi. Il primo tenderebbe a considerare questi ebrei chiamati Beta Israel (casa d’Israele) o Falashah (termine peggiorativo che significa “senza radici” o “esiliati”) come i discendenti di una popolazione ebraica che avrebbe trovato rifugio in questi luoghi dopo la distruzione del primo Tempio. Potrebbero aver avuto luogo, ugualmente, anche delle emigrazioni successive, in particolare dall’Egitto. La seconda ipotesi menziona una conversione al giudaismo di una comunità cristiana etiope. Infine, il terzo approccio avanza l’idea che l’etnia dei Beta Israel provenga da vari gruppi autoctoni la cui identità ebraica si sarebbe gradualmente cristallizzata.

Oggi non ci sono più ebrei in Etiopia. La loro massiccia emigrazione in Israele ha avuto luogo in tre ondate successive : Operazione Moses (1984), Operazione Saba (1985) e Operazione Salomon (1991).

doc_2_ethiopie500px50-2.jpg

A seguito dell’inizio del processo di integrazione israeliana, l’etnomusicologo Simha Arom si è impegnato, fin dal 1986, a riunire intorno a sé ricercatori per salvaguardare e studiare le tradizioni degli ebrei d’Etiopia.

La liturgia etiope è composta da preghiere parlate e cantate, esclusivamente rappresentate da voci maschili, in lingua Ge’ez.

Sembra importante sottolineare quanto la musica dei Beta Israel, sebbene originale, si inscriva nel suo contesto geografico. L’atmosfera che ne emana riflette la sua origine africana. Anche in questo caso, la musica ebraica dimostra la sua capacità di integrare, e persino d’assorbire, elementi linguistici delle civiltà circostanti[1]Estratto dal libro Musiche liturgiche ebraiche: percorsi e scali – Hervé Roten – Actes Sud e Cité de la Musique, 1998, Parigi.

doc3ethiopie500px50.jpg

 

Documents joints

References
1 Estratto dal libro Musiche liturgiche ebraiche: percorsi e scali – Hervé Roten – Actes Sud e Cité de la Musique, 1998, Parigi.

0:00
0:00

Vi piacerà anche

Léon Algazi (1890-1971), un pioniere della musica ebraica in Francia

Nella serie "Percorsi di vita", Jacques Algazi (1934-2021) rivela la vita di suo padre, Léon Algazi (1890-1971), un instancabile musicista…

Sefarad in the piano – Toni Costa

Ispirato dalla poesia popolare giudeo-spagnola, dal jazz, dalla musica antica e dai ritmi popolari del flamenco, il pianista Toni Costa…

The Hoffman Book

Presentato da Susan Watts e curato da Ilana Cravitz, dal dottor Hankus Netsky e dalla dottoressa Hannah Ochner, The Hoffman…