Offenbach, Jacques (1819-1880)

Jacob Offenbach nasce a Colonia il 20 giugno 1819. E’ figlio di Isaac Eberst (1779-1850), musicista e cantore della sinagoga. Originario di Offenbach-sur-le-Main, Isaac Eberst adotta il cognome di Offenbach intorno al 1810, in virtù del decreto napoleonico del 28 luglio 1808 che impone a tutti gli ebrei dell’Impero di assumere un “nome definitivo”, per facilitarne il censimento e la tenuta dello stato civile.

Jacob Offenbach (che, più tardi si farà chiamare Jacques) inizia a comporre all’età di nove anni. Violoncellista e musicista di talento, è inviato all’età di 14 anni al Conservatorio di musica di Parigi, insieme a suo fratello Julius. Nello stesso tempo, dal 1 dicembre 1833, Jacques Offenbach è incaricato della “formazione e direzione del coro” della sinagoga Notre-Dame de Nazareth a Parigi, posizione che occuperà solo sei mesi a seguito di un disaccordo con le autorità rabbiniche della sinagoga che lo accusano di suonare in un’orchestra lo Shabbat.

Dopo un anno al conservatorio, Offenbach, il cui comportamento è considerato troppo dissipato, si trova costretto a lasciarlo. Successivamente, si unisce all’orchestra dell’Opéra-comique ed è notato da Jacques F. Halévy, compositore, che gli dà delle lezioni. Nel frattempo, la sua reputazione  cresce. Compone alcune musiche di scena per l’Opéra-comique e dal 1839 tiene dei concerti al violoncello.

Diventa noto grazie a delle melodie leggere, e diventa direttore musicale della Comédie française nel 1847. Emulo di Rossini e di Mozart, è il creatore dell’opéra-bouffe francese [*]. Otto anni dopo, decide di aprire il suo teatro per produrvi le sue opere: la sala delle Bouffes-Parisiens, inaugurata nel 1855. E’lì che è creata con successo la prima opera-bouffe di Offenbach, Orphée aux Enfers(1858). Le sue opere successive (La Grande-Duchesse de Gérolstein, La Vie parisienne, Les Brigands) sono ugualmente ben accolte. L’epoca definita “festa imperiale” di cui Offenbach diventa in quindici anni una delle figure emblematiche, è brutalmente interrotta dalla guerra franco-prussiana del 1870. Sempre attento al gusto del pubblico, Offenbach si dedica allora all’opera-bouffe-féérie (Le Roi Carotte) e poi all’opera patriottica (La Fille du Tambour-Major).

Offenbach muore pochi mesi prima della prima dell’opera che gli avrebbe portato il riconoscimento tanto desiderato, Les Contes d’Hoffmann, una delle opere francesi più rappresentate attualmente.

Jacques Offenbach è l’autore di diversi canti sinagogali (Ashamnou, Tavo lefanecha…) composti in occasione delle visite a suo padre a Colonia **. All’età di 16 anni ha anche scritto una serie di valzer su motivi israeliti del XV secolo, intitolata Rebecca (1837, inedito)


[*]opéra-bouffe : Come l’opéra-comique e l’operetta, l’opéra-bouffe presenta una successione di scene cantate e dialoghi parlati. Ma, mentre l’opéra-comique può trattare di argomenti “seri”, e l’operetta di storie piuttosto sentimentali, l’opéra-bouffe è solo “buffonesca”, parodica o satirica, di natura leggera o sarcastica. Il genere sarà ripreso in particolare da Francis Poulenc (1899-1963) con Les Mamelles de Tirésias.
[**] Queste due arie sono state pubblicate nel 1997 nel CD Gesänge aus der Synagoge / Chants of the synagogue, Vol. 2 Koch Schwann Aulos.

Per saperne di più :

Documents joints

0:00
0:00

Vi piacerà anche

Tsuzamen – Sirba Octet

Questo album è una formidabile testimonianza di speranza: quella degli ebrei, degli armeni, degli zingari, i cui repertori sono stati…

Fondo Jacinta

Depositato all’IEMJ nel maggio del 2022 dall’artista, il Fondo d’archivio di Jacinta è composto da una quarantina di fotografie, dalla…

JACINTA, TRA CANZONI YIDDISH, GIUDEO-SPAGNOLE E TANGO

Nella serie "Percorsi di vita", scoprite la personalità accattivante di Jacinta, un'interprete di origine argentina che canta l’yiddish, il giudeo-spagnolo...…

JACINTA, UNA VITA IN CANZONE

Scoprite una selezione di canzoni yiddish, giudeo-spagnole, argentine e francesi di Jacinta, un'artista dalla voce d'oro