Waks – Yiddish Voices

Dialogo con voci di un mondo naufragato

Questo progetto, originale ed all’avanguardia, ci conduce in un esperimento molto toccante, quasi inquietante. Attingendo ai suoni registrati su rulli di cera tra il 1928 ed il 1941 da Sofia Magid (1892-1954) e Moishe Beregovsky (1892-1961) e rimasti sepolti negli archivi per decenni, i musicisti Inge Mandos (voce), Klemens Kaatz (pianoforte, fisarmonica, harmonium indiano) ed Hans-Christian Jaenicke (violino) entrano in un dialogo fuori dal tempo con voci del passato.

Le voci di Nadyeshda, Khaim, Yeshaya, Fanya, Manya, Keyle, Fayvel, Basya, Rachmiel, Lifshe e Beyle, grazie ai sottili arrangiamenti, partecipano al gruppo, che riesce con sensibilità e creatività a raggiungere un’unità musicale con queste registrazioni che hanno dovuto restaurare come tesori. In questo album si percepisce sia un’immensa tenerezza per questo materiale fragile, a volte velato dal respiro, sia una vera libertà espressiva. In un brano compare anche il cantante Efim Chorny.

Il libretto, con i contributi del folklorista Itzik Gottesman e dell’etnomusicologa Diana Matut, fornisce le parole delle canzoni in yiddish traslitterato, oltre alle traduzioni in tedesco ed in inglese.

Ordinare il CD

cd_676_couv4.jpg

Video di presentazione del progetto:

Condividere :

Vi piacerà anche

DU CÔTÉ DE CHEZ SZWARC CON HERVÉ ROTEN

Hervé Roten, ospite di Radio Shalom con Sandrine Szwarc, nel suo programma Du Côté de chez Szwarc, presenta con passione…

Darius Milhaud e le sue opere ispirate alla tradizione ebraica

Compositore di un'antica famiglia ebraica del Comtat Venaissin, Darius Milhaud (1892-1974) è autore di una prolifica produzione di circa quaranta…

Trittico Darius Milhaud

Sabato 29 giugno 2024, ore 18.30 - Salle du Moulin Saint-Julien, Cavaillon (84300), serata in occasione del 50° anniversario della…