Il CFMJ al Festival delle Culture Ebraiche di Parigi

Conferenze, tavole rotonde e concerti: scoprite gli eventi co-organizzati dal CFMJ al (Festival delle Culture Ebraiche) Festival des Cultures Juives di Parigi il 29 e 30 giugno 2011.

Mercoledì 29 giugno, presso il Municipio del 3° arrondissement di Parigi

  • 14.30-17.30: L’interculturalità nella musica ebraica

Proiezione del film Chants de sable et d’étoiles di Nicolas Klotz (90 min., 1997) seguita da un intervento di Hervé Roten, etnomusicologo, direttore del Centre Français des Musiques Juives e del Dipartimento di Musica della Fondation du Judaïsme Français.

  • 18.30-19.30: Tavola rotonda sulla musica ebraica contemporanea

Tavola rotonda con Claude Szwimer, direttore della casa discografica JUMU, Laurence Haziza, direttrice artistica del Jazz’n Klezmer Festival, Eléonore Biezunski, sociologa e storica della musica klezmer, Jessica Roda, etnomusicologa e specialista di musica giudeo-spagnola, ed Hervé Roten, etnomusicologo e direttore del Centre Français des Musiques Juives e del Dipartimento di Musica della Fondation du Judaïsme Français.

  • 20:00 – 23:00: Concerto Anakronic Electro Orkestra e Les Yeux Noirs

L’Anakronic Electro Orkestra è uno dei gruppi più originali ed inventivi emersi di recente sulla scena new klezmer francese. Un UFO selvaggio nato dall’effervescente scena musicale di Tolosa. A metà strada tra dub e drum n’ bass, porta la musica tradizionale ebraica nel XX secolo.

Con oltre mille concerti in tutto il mondo, Les Yeux Noirs continuano il loro viaggio tzigano-rock e yiddish-pop da 18 anni! Un viaggio epico in un mondo fiammeggiante oltre i nostri confini. Un’avventura nella terra dei rom e dei poeti.

Giovedì 30 giugno, presso il Municipio di Parigi

  • 19.30: Concerto dell’ensemble Texto e dell’ensemble Saltiel

L’Ensemble Texto, che presto pubblicherà un CD nella collezione Patrimoines Musicaux des Juifs de France della Fondation du Judaïsme Français, propone un programma di musiche cantate in ebraico ed aramaico, che illustra la ricchezza della musica giudeo-barocca a Venezia, Mantova ed Amsterdam dal 1623 al 1738.

Opere di Salamone (Salomone) Rossi ed Abraham Caceres.

L’Ensemble Saltiel eseguirà alcuni estratti del suo album Boda – Kantigas de Novia, una raccolta di canzoni e melodie di danza secolari raccolte da Aron Saltiel nelle comunità sefardite. Queste canzoni, che riflettono le fasi ed i rituali dei matrimoni ebraici sotto l’Impero Ottomano fino alla metà del XX secolo, sono state registrate ad Istanbul nel 2010. Per questo progetto, i musicisti turchi hanno arricchito le canzoni con improvvisazioni (taksim) alla maniera degli strumentisti che per secoli hanno accompagnato i matrimoni ebraici.

Guardare la conferenza di Hervé Roten sull’interculturalità nella musica ebraica

Vi piacerà anche

Léon Algazi (1890-1971), un pioniere della musica ebraica in Francia

Nella serie "Percorsi di vita", Jacques Algazi (1934-2021) rivela la vita di suo padre, Léon Algazi (1890-1971), un instancabile musicista…

Sefarad in the piano – Toni Costa

Ispirato dalla poesia popolare giudeo-spagnola, dal jazz, dalla musica antica e dai ritmi popolari del flamenco, il pianista Toni Costa…

The Hoffman Book

Presentato da Susan Watts e curato da Ilana Cravitz, dal dottor Hankus Netsky e dalla dottoressa Hannah Ochner, The Hoffman…